grid test page


test

APD + APS


San Bernardo è una chiesa sconsacrata del 1400 ristrutturata rispettando i principi della sostenibilità e riduzione delle emissioni di CO2.

Completamente immersa nel verde a 700 m da Antella, lontana dal traffico cittadino, è facilmente raggiungibile dal centro di Firenze e dall’uscita dell’autostrada Firenze sud.

Ecclesia in greco significa “assemblea”, “riunione di popolo”. Il nostro intento è che la chiesa torni a essere un luogo di accoglienza e lavoro.

Le due associazioni:

APD San Bernardo e APS SBA+C San Bernardo Agri+Cultura

APS SBA+C San Bernardo Agri+Cultura ha come obiettivo quello di promuovere l’arte come diritto all’espressione, valorizzare le potenzialità presenti in ciascuno attraverso l’uso di diversi linguaggi e incoraggiare l’attenzione verso ciò che ci circonda.
Organizza incontri ed eventi dedicati all’arte – in particolare cinema, fotografia, teatro –  alla scienza, all’educazione, ai nuovi media, all’ambiente, agricoltura, architettura, urbanistica e mobilità.
Cura il Festival EQUINOX – SoundArt, VisualArt, Astronomia, Biodinamica in occasione dell’equinozio d’autunno in collaborazione con Osservatorio Astrofisico di Arcetri.

APD San Bernardo
promuove l’attività sportiva, la consapevolezza del corpo e del movimento, l’educazione somatica come base per i processi di apprendimento.
Organizza attività da ottobre a maggio per bambini, ragazzi, adulti, terza età: danza contemporanea, psicomotricità, avviamento alla Scherma in collaborazione con Accademia Schermistica Fiorentina, Pilates, Metodo FeldenkraisⓇ, Yoga, Inglese in movimento in collaborazione con Inglese for You.
Da ottobre 2015 APD San Bernardo collabora con l’Associazione Socialisarte per l’attività di acrobatica e danza aerea.
Le due associazioni collaborano nell’organizzazione dei laboratori estivi da giugno a settembre coinvolgendo esperti internazionali che conducono percorsi con temi specifici: cinema, fotografia, arti figurative, musica, teatro, apprendimento delle lingue,  scienza, danza, circo, acrobatica e danza aerea, scherma, arti marziali.
Le associazioni si rivolgono al territorio, ampliando lo sguardo verso le proposte di un panorama globalmente retificato. In questa cornice familiare si riduce la distanza fra esperti e pubblico in un incontro fertile e autentico.
L’intimità e le proposte della ex-chiesa di San Bernardo sorprendono il pubblico con proposte originali in un contesto informale, danno alle famiglie la possibilità di un approccio personale, trasmettendo un’ampia visione del legame tra natura e arte.
Il lavoro quotidiano delle associazioni conferma l’urgenza e necessità di coinvolgere la famiglia intera nei processi formativi, rivolgendosi ad adulti, adolescenti e bambini con la stessa attenzione e serietà. Le tematiche proposte sono intese come stimolo per riflettere sulle proprie scelte, le attività sono volte ad avvicinare giovani e bambini a linguaggi differenti, incoraggiandoli a valorizzare i propri talenti e interessi.

Circo contemporaneo


Venerdì 21.09.2018
ore 18
Due personalità, due diversi modi di pensarla e di impostare la propria vita
Alice Macchi e Marcel Zuluaga Gomez

Stage di canti tradizionali italiani


Sabato 27 ottobre 2018
ore 14.30 – 18.30
Stage di introduzione ai canti tradizionali italiani condotto da Elena de Renzio

Il canto di tradizione orale: accenni ai caratteri musicali e alle funzioni rituali.

Ascolto guidato di brani di diverse regioni.

Apprendimento di qualche brano per il puro piacere del cantare insieme.

Elena de Renzio, cantante, danzatrice e attrice.

Vive e lavora a Parigi nell’ambito professionale del teatro danza e del teatro musicale per una ventina d’anni. Approfondisce lo studio della voce con Dainouri Choc sul canto armonico, con Haim Isaacs, Kevin Crawford e Enrique Pardo dei Roy Hart Theatre sull’improvvisazione vocale, studia il repertorio del teatro musicale di George Aperghis con Valérie Philippin.

Frequenta i corsi di etnomusicologia applicata tenuti da Giovanna Marini all’università di Paris 8. Fonda Uno, due…tto con A.Matteucci e in seguito Nuda Voce con Katia Lari con la quale propone concerti in Italia e in Francia sul repertorio della tradizione orale italiana.